SCAMBISTI PER CASO - secondo tempo

SCAMBISTI PER CASO - secondo tempo

Anch'io non ce la facevo più a trattenermi. Ho raddoppiato i colpi strizzandole le tettone penzolanti, i sospiri sono diventati affannosi ed i mugolii si sono trasformati in gemiti di piacere. Dopo qualche sussulto, ho capito che aveva raggiunto l'orgasmo, ed ho fatto altrettando schizzandole dentro 120 milioni di spermatozoi cazzuti e motivati a metterla incinta (di solito sono 60 milioni, ma quella volta ho esagerato!). Da sei mesi Dany non prendeva più la pillola e desideravamo avere un bambino.
- Aaaah... che bella scopata! Sei riuscito a scattare il selfie? E' venuto bene?
- Non so il selfie, ma io sono venuto bene... anzi benissimo!
- Ma va' a cagare!
Sorridendo, si è sdraiata sull'erba sollevando il bacino per facilitare la corsa degli spermatozoi verso il traguardo. Io mi sono disteso accanto a lei tenendole la mano ma, dopo qualche minuto, abbiamo sentito delle voci in lontananza.
Ho notato un cespuglio che si muoveva e, all'improvviso, la ragazza della coppia con cui avevamo viaggiato, correre fuori completamente nuda. Ridendo, è scivolata sull'erba prima che il marito la raggiungesse.
La scena della caduta di lei ha fatto ridere anche noi, ma ho riso molto meno quando è arrivato lui, nudo come un verme. Non eravamo gli unici scemi del Parco!
- Guarda un po' chi si rivede! Allora anche voi avete il nostro stezzo vizio...
La ragazza mi si è avvicinata, ha preso le mie mani e le ha messe sulle sue meravigliose tettone dure. Lui è andato verso mia moglie per fare altrettanto.
- Hey, che cazzo fai?
- Be', tu stai palpando mia moglie, così, per par condicio, io palpo la tua...
- Eh no, caro, lei sta "covando" una possibile gravidanza, perciò scòrdatelo!
Dany era ancora nella posizione aiuta-spermini, ma tutto il trambusto l'aveva di nuovo eccitata, perciò si è alzata esibendo il suo culone.
- E dài Fabri, non fare l'antico, è solo un gioco...
Intanto, Irene si era messa sulle ginocchia e mi aveva preso l'uccello in bocca. Ho tentato un'ultima strenua resistenza.
- E se poi rimani davvero incinta, come facciamo a sapere di chi è il bambino?
- Non preoccuparti, useremo l'ingresso B...
Sentendosi autorizzato, Raffaele le ha allargato le chiappe e le ha voracemente leccato l'ano, infilando due-tre dita ogni tanto per allargare il cosiddetto ingresso B. Io ero geloso ed un po' perplesso, ma il mio pene no. Abilmente succhiato da Irene, era duro e svettante come un maxi-wurstel surgelato. Allora ho deciso di copiare esattamente quello che facevano loro: le ho allargato le chiappe ed ho leccato il buco del culo allargandolo con le dita.
Dany si è messa contro il solito albero a pecorina (come nelle foto) e la salsiccia dura di Raffaele è entrata nel suo culo fottendola con gusto reciproco misto ad urletti sconvenienti.
Io ho messo Irene nella stessa posizione contro un altro albero e l'ho inculata a lungo, esagerando i miei grugniti che si mescolavano ai suoi autentici gemiti di piacere.
Dany è venuta in fretta e Raffaele subito dopo. Io invece, che avevo sborrato poco prima, ho tenuto botta per un quarto d'ora, montando Irene come se fosse una gara, e contando uno, due, tre suoi orgasmi. Poi le ho sborrato in culo.
Anche se avevo vinto io e se avevo goduto come un porco, alla fine mi sentivo triste. Nostro figlio non doveva essere concepito in una situazione del genere, ma facendo l'amore solo noi due, e solo per amore. Per fortuna, le mestruazioni di Dany sono arrivate puntuali. Forse, non siamo ancora pronti per diventare genitori.
FINE

Vota la storia:




14/10/2016 15:58

ninka

cazzata colossale

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!