Scese dal tram

L’invito era chiaro, mamma mi strinse un braccio e scosse la testa, forse, per quella giornata, aveva già vissuto la sua dose di trasgressione ma, secondo me, eravamo solo all’inizio, però non ero sola, quindi provai a convincere mamma che dopo qualche momento alla fine accettò, ci fecero salire in macchina, io davanti e mamma dietro tra gli altri due, erano gentili, si presentarono anche, e noi facemmo altrettanto, senza dire, però, che eravamo madre e figlia, chiesi loro dove andavamo, visto che stavamo uscendo dalla città e andando verso la tangenziale, mi dissero che un loro amico aveva un posto……………., comunque l’autista aveva già allungato le mani, anzi una mano , visto che guidava e mi accarezzava le gambe, lanciando un occhiata dietro vidi che anche mamma era impegnata e, sembrava non dispiacerle, si stava sciogliendo, per fortuna.
Era ancora presto, ma d’inverno fa buio prima, comunque mi resi conto dove eravamo, stavamo scendendo dalla tangenziale a Trezzano sul naviglio, proseguendo sempre verso l’esterno della città, poco dopo girammo a sinistra, poi a destra e vidi una serie di capannoni industriali, rallentammo e l’autista, davanti all’ingresso di uno di questi, suonò il clacson, in qualche modo ci aspettavano, perché il portone si aprì scorrendo su un binario quanto bastava affinché la macchina entrasse, ci ritrovammo così all’interno di quella che sembrava un’officina meccanica. Da veri gentiluomini ci aprirono le portiere e ci aiutarono a scendere, e adesso?

Guardandoci intorno, io e la mamma, ci rendemmo conto che la prima impressione era sbagliata, era un magazzino, dove c’erano sì diversi automezzi, ma non in riparazione; lungo le pareti, cataste di quelli che sembravano rotoli avvolti in una specie di plastica grigia, poi ci rendemmo conto, altri tre uomini erano all’interno del magazzino, la cosa si faceva interessante, si presentarono anche loro, e poi, andarono a prendere uno di quei rotoli, tolta la plastica, ne aprirono il contenuto al centro del capannone, dove c’era sufficiente spazio, capii che non si trattava altro che di rotoli di moquette, ci invitarono a salirci sopra e, dopo si sedettero lungo un lato e ci dissero :”beh, adesso vediamo come siete fatte?”
Io risposi :” neanche un po’ di musica?” venni accontentata subito, dallo stereo di una delle auto, lasciata con le portiere aperte arrivò immediatamente della musica, blues se non ricordo male, comunque mi tolsi il bomber e lo lanciai in una angolo di quel tappeto improvvisato e, dopo poco la mamma mi imitò facendo lo stesso con il suo giaccone, quando videro il vestito che indossava lei, con quella scollatura posteriore, qualcuno lanciò un fischio, io, allora tolsi la camicetta mostrando il mio reggiseno di pizzo bianco, iniziarono gli incitamenti, tolsi anche quello, poi aprii la lampo della gonna e la lascia cadere a terra, silenzio, e poi applausi, videro che non portavo mutandine, quando però la mamma tirò la lampo del suo vestito e slacciò l’allacciatura del colletto, lasciandolo cadere a terra e mostrando il suo seno nudo nonché il completino giarrettiera, calze e slip con apertura sul davanti, esplosero, rimanemmo un attimo così, muovendoci lentamente al ritmo della musica, poi uno degli uomini disse :” ora ci vorrebbe proprio uno spettacolino lesbo” gli altri applaudirono ed io e mamma ci guardammo, del resto ci volevamo davvero bene, anzi ci amavamo sul serio, certo di un amore diverso ma ……. del resto era solo sesso.

Ci inginocchiammo sul tappeto una di fronte all’altra ed accarezzandoci a vicenda cominciammo a baciarci, era una strana sensazione ma ero tutta bagnata, le mie dita accarezzavano il suo seno pieno e sodo le sue facevano altrettanto con il mio più piccolo ma altrettanto tonico, avevamo tutte e due i capezzoli turgidi e induriti, i miei mi facevano quasi male, continuando a baciarci ci stendemmo sulla moquette ed iniziamo a toccarci nelle parti più intime, ebbene sì, ci masturbammo a vicenda, riuscimmo dopo poco, ad avere tutte e due un orgasmo, ognuna sulle mani dell’altra, guardandoci intorno vedemmo che ora i sei uomini erano, anche loro, completamente nudi e si erano approssimati a noi, ci porgevano i loro cazzi da succhiare e leccare e, questo iniziammo a fare inginocchiate una vicino all’altra, ora mamma non mi preoccupava più, si era lasciata andare completamente, mani ci toccavano, palpeggiavano, accarezzavano e stringevano, noi intanto continuavamo imperterrite a suggere quei membri ormai induriti dal desiderio, persi di vista per un attimo la mamma perché uno di quelli si era sdraiato sulla moquette e mi aveva tirato sopra di se infilandomi senza tante cerimonie il suo pene nella passerina grondante umori ed una ltro stava spingendo per fare lo stesso con il mio sederino, quando girai lo sguardo vidi anche lei impalata alla pecorina che si teneva alle gambe di un altro uomo che davanti a lei si stava facendo succhiare l’uccello quasi scopandola in bocca, mi resi conto subito che quello dietro di lei la stava inculando, hai visto la mammina, non credevo………… io, intanto ero chiusa in un bel sandwich e i due cazzi dentro di me andavano allo stesso ritmo, fu quello nel mio sederino che, ad un certo punto fece una cosa … diversa :
Mentre l’altro, avuta la sua razione era uscito da me lasciandomi piena di sborra ma sempre in ginocchio, quello dietro era uscito dal mio sederino per rientraci subito dopo, spingendo sempre più a fondo, usciva e rientrava facendomi impazzire dal piacere, fino a che mi ritrovai anche con gli intestini inondati di sborra calda e densa, ripulii con la lingua i due membri che mi avevano dato piacere e venni subito assalita da altri due che trovarono già la strada aperta, mamma era sempre alle prese con i sui due “amanti”, però adesso, anche lei si trovava inchiavardata da tutti e due; andammo avanti per ore, riposando ogni tanto tutti stesi sulla moquette accarezzandoci e baciandoci, io e mamma avevamo fica e culetto in fiamme, ma ogni tanto ci pensavano i nostri amici a lenire con le loro lingue il nostro dolore, dalle finestre in alto del capannone filtrava la prima luce, quando ci salutammo dopo esserci dati una sistemata nell’unico bagno baciandoci, uno dei sei mi diede il suo biglietto da visita, vidi che era il proprietario del deposito dove ci trovavamo, l’avrei tenuto, chissà che in futuro………. In due ci riaccompagnarono in macchina in centro a Milano dove ritirammo dal parcheggio il mio maggiolino e, prima di lasciarci ci salutammo con un baio profondo. Con mamma arrivammo a casa e ci infilammo insieme in vasca con i suoi sali profumati, lì ci addormentammo felici e …… distrutte

Vota la storia:




09/07/2015 09:30

Camillo 2

COMMEDIA DELL'HORROR --- ---------------------Nel mezzo del cammin della sua vita--IL CULA FEDE,IN UNA SERA OSCURA--Lui che la retta via avea smarrita--SI RITROVO' CON UNA VERGA DURA--Era una verga lunga, aspra e forte--CHE SOL A RIMEMBRARLA FA PAURA--Lui se la prese in cul, rischiando morte--MA PER TRATTAR DI QUESTI LETAMAI--Dirò dei genitor, l'amara sorte--APPENA NAQUE, PASSARONO DEI GUAI--Urla e proteste da tutto il vicinato--DICEAN E' UN MOSTRO, E' BRUTTO ASSAI--Chi è mai costui, perché l'han cagato--CRESCIUTO POI, LO POSSIAM VEDERE--E' un culatton, dal destin tarato--LAVORA E GODE, COL BUCO DEL SEDERE--E s'incazza se dici che è un malato.-------------------------------OPERA OMNIA - Dedicato a fede.

05/08/2015 09:48

alessio

se volete trasgredire passate dalle parti di roma cercatemi

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!